ferite e speranze

Notturno di Gianfranco Rosi è un documentario girato nell’arco di tre anni lungo confini difficili del Medio Oriente: Kurdistan, Siria, Libano, Iraq, Iran, territori dove le guerre hanno lasciato il segno e in alcuni casi sono ancora in corso. L’osservazione di Rosi è come suo solito, silenziosa, nel tentativo di apparire più neutrale possibile. Il racconto del dolore è affidato ai protagonisti stessi che durante la loro quotidianità rievocano lutti ed esperienze terribili a cui hanno preso parte. Spetta ad un gruppo di teatro “sociale” messo su in uno dei luoghi raccontati a fungere da narrazione simbolicamente rappresentativa di tutti i conflitti che hanno dilaniato la regione; una regione che sin da tempi remoti è stata creata ad uso e consumi di potenze esterne che hanno contribuito a perseguire interessi altri a quelli dei popoli raccontati.
Spicca la qualità della fotografia, per alcuni fin troppo bella e inadatta all’orrore che vogliono mettere in scena. D’altra parte Rosi racconta chi, in qualche modo, è sopravvissuto, chi può ancora raccontare gli orrori che ha visto, dai bambini dei campi profughi alle anziane donne che hanno perso figli in battaglia. Ferite profonde che necessiteranno tempo per essere rimarginate, ma che al momento possono cominciare ad essere viste, sperando in un futuro che segua percorsi diversi da quelli svoltisi sin’ora.

Articoli Recenti

  • la difficile lotta per l'esistenza

La commare secca di Bernardo Bertolucci

Novembre 24th, 2022|Commenti disabilitati su La commare secca di Bernardo Bertolucci

Sulle rive del Tevere, una prostituta viene trovata morta. Al commissariato di Polizia, sfilano “i soliti noti”, e non solo, per essere interrogati alla [...]

  • crescita spirituale e comunitaria

The cup di Khyentse Norbu

Novembre 22nd, 2022|Commenti disabilitati su The cup di Khyentse Norbu

Durante i mondiali di calcio del 1998, in un monastero tibetano, un gruppo di giovani monaci si scopre interessato alle vicende calcistiche. Il giorno [...]

  • ricerca della felicità

La giornata balorda di Mauro Bolognini

Novembre 21st, 2022|Commenti disabilitati su La giornata balorda di Mauro Bolognini

Davide è un giovane squattrinato di borgata, con un figlio appena nato a carico. Vorrebbe sposare Ivana, madre del bimbo, ma la mancanza di [...]