Jonas Mekas in un’opera della memoria, tesa, come lui stesso premette, a ricordare la bruttezza della guerra. Perché à stata la guerra a fare di lui e di parte della sua famiglia, uno “sfollato”. Lasciata la Lituania Mekas dovette ricostruirsi una vita negli Stati Uniti, in mezzo a tanti altri migranti che vivevano li senza essere presenti. Il documentario girato in 16mm è diviso in tre parti. Nella prima illustra la sua esperienza di immigrato, il disagio di esse straniero e senza patria. Nella seconda parte, la più lunga, c’è il ritorno al suo villaggio natale, dove trova la madre e vecchi amici, la natura, le reminiscenze giovanili. Sono pochi giorni, intensi che terminano con la partenza per la Germania e l’Austria, per una terza parte che rivisita il tempo della prigionia durante la guerra.
Mekas usa una narrazione estremamente frammentata, continuità di narrazione quasi assente, un montaggio serrato che mette insieme frammenti di immagini caratterizzati da violenti e imprevedibili movimenti di macchina. Usa molti inserti grafici ed egli stesso è la voice over che accompagna il racconto, insieme alla musica e a rari audio originali

Articoli Recenti

  • le ricadute della globalizzazione

Babel di Alejandro Iñárritu

Maggio 22nd, 2019|Commenti disabilitati su Babel di Alejandro Iñárritu

In un piccolo villaggio nel deserto marocchino, 2 giovani ragazzi vengono in possesso di un fucile. Per gioco sparano su un pullman di turisti [...]

  • tra sogno e realtà

Mulholland Drive di David Lynch

Maggio 20th, 2019|Commenti disabilitati su Mulholland Drive di David Lynch

Lungo Mulholland Drive una donna perde la memoria in seguito ad un incidente automobilistico. L’incontro con Betty, aspirante attrice, le sarà di aiuto [...]

Tangerines – Mandarini di Zaza Urushadze

Maggio 5th, 2019|Commenti disabilitati su Tangerines – Mandarini di Zaza Urushadze

In una sperduta  casa di campagna dell’Abcasia, Ivo e Margus cercano di continuare la loro produzione di mandarini mentre intorno sta ormai deflagrando la [...]