disagio esistenziale

Anders sta concludendo il suo programma di recupero presso una comunità per persone con problemi di dipendenza. È il 31 agosto e ha il permesso di andare ad Oslo per un colloquio di lavoro, che sarà anche occasione per incontrare parenti ed amici. Il rientro nella socialità quotidiana si conferma, come d’altra parte temeva, molto difficile e ben presto ricade nei vecchi vizi.
Joachim Trier racconta una storia di disagio esistenziale, che nel caso del protagonista diventa una malattia da tossicodipendenza. Tuttavia il disagio esistenziale è qualcosa che sembra accomunare tutti i personaggi della sua generazione, quei trentenni che non hanno punti di riferimento certi, incapaci di ascoltare ed incapaci di empatia. Il tentativo di reinserimento del protagonista è destinato a fallire non solo perché le opportunità che la vita potrà offrirgli sono piuttosto scarse, ma anche perché quel disagio esistenziale è rimasto profondamente radicato in lui, come possiamo vedere dalla prima sequenza della narrazione. Un film quasi circolare, dove ciò che non riesce all’inizio riesce alla fine, grazie alla nuova spinta emotiva della giornata trascorsa nel mondo. Interessante la scelta di seguire il protagonista quasi fisicamente, i movimenti della macchina sempre molto instabile sono i movimenti nervosi ed incerti del protagonista che dotato di sensibilità ed intelligenza finisce per rimanere vittima di queste caratteristiche

Articoli Recenti

  • il dolore della mancanza genitoriale

Aftersun di Charlotte Wells

Gennaio 12th, 2023|Commenti disabilitati su Aftersun di Charlotte Wells

In una località marina del sud della Turchia Sophie, 11 anni, e suo padre Callum che ne ha 20 in più stanno trascorrendo le [...]

  • emanciparsi dall'ambiente in cui si cresce

Short Sharp Shock di Fatih Akin

Gennaio 12th, 2023|Commenti disabilitati su Short Sharp Shock di Fatih Akin

Gabriel, originario della Turchia, Costa originario dalla Grecia e Bobby proveniente dalla Serbia, crescono insieme da immigrati ad Amburgo, creando una piccola gang addetta [...]

  • il cinema come mezzo per la fama e la ricchezza

Bellissima di Luchino Visconti

Dicembre 29th, 2022|Commenti disabilitati su Bellissima di Luchino Visconti

Maddalena Cecconi, donna della povera borgata romana sogna di far entrare la piccola figlia Maria nel cinema. L’occasione si presenta quando il regista Blasetti [...]

  • socialità sane che aiutano a vivere meglio

Ariaferma di Leonardo Di Costanzo

Dicembre 29th, 2022|Commenti disabilitati su Ariaferma di Leonardo Di Costanzo

Il carcere di Mortana sta per essere dismesso, ma gli ultimi dodici detenuti per un imprevisto non possono essere più trasferiti nella loro nuova [...]