la paura di esprimere la propria identità

Sae-bom vive con la madre Yoon-hee, separatasi da qualche tempo dal padre. La vita di Yoon-hee è priva di momenti di serenità, rinchiusa in una solitudine che nasconde un passato mai rilevato. Quando Sae-bom trova una lettera destinata alla madre proveniente da una donna che aveva amato in gioventù organizza, a loro insaputa, un viaggio che consentirà alle due donne di rivedersi.
Nel film di Dae Hyung Lim, il tema dell’omosessualità delle due donne, cche pure è centrale nella storia, è solo un modo per declinare la necessità degli individui per manifestarsi nella loro interezza identitaria. Tutti i personaggi, sembrano imprigionati in forme identitarie che sono socialmente accettabili, e questo provoca in loro quella malinconia di vita che è la cifra di tutta la storia narrata. La paura che blocca l’espressione identitaria che costringe le persone a celare segreti per lungo tempo nella vita, e che finiscono per determinarla in modo deciso, può essere affrontata senza essere necessariamente vinta; quel tanto che basta per vivere con un respiro più ampio e in sostanza con maggiore serenità.

Articoli Recenti

  • storia d'amore poetico e reale

L’Atalante di Jean Vigo

Aprile 3rd, 2022|Commenti disabilitati su L’Atalante di Jean Vigo

In un piccolo villaggio francese Jean sposa Juliette, e la porta con se nella sua vita nella chiatta che solca i fiumi del paese. [...]

  • paura ricerca della verità e amore

Drive my car di Ryûsuke Hamaguchi

Marzo 30th, 2022|Commenti disabilitati su Drive my car di Ryûsuke Hamaguchi

La morte dell’amata moglie è un evento che pesa ancora troppo nella vita di Yusuke Kafusu, noto regista teatrale giapponese, grande esperto di Cechov. [...]

  • emergere dall'anonimato

Pickpocket di Robert Bresson

Marzo 23rd, 2022|Commenti disabilitati su Pickpocket di Robert Bresson

Michel è un giovane che pratica il borseggio. Ma quella che all’inizio è una necessità, si rivela man mano una vocazione del giovane, che [...]