accettare se stessi

Misako fa un lavoro particolare. Scrive e legge le descrizioni delle scene dei film per il pubblico non vedente. È un lavoro complesso, deve essere in grado di farlo con la sensibilità del non vedente, che è piuttosto diversa dalla sua, e per far questo lavora in equipe proprio con un gruppo di non vedenti. Tra questi c’è un celebre fotografo che sta via via perdendo la vista: tra i due si stabilisce un legame.
Naomi Kawase da vita ad un lavoro complesso, dove sono diversi gli elementi in ballo: la disabilità e la difficoltà del confronto, in un dialogo che sembra impossibile; l’accettazione della stessa e sullo sfondo, ma non troppo, il cinema. La forza delle immagini, potenti quando mostrate e quando evocate; potenti anche quando queste sono vissute attraverso lo sguardo, che non vede, dello spettatore, secondo un’operazione che ci riporta a Kiarostami. La luce è dunque al centro del discorso, la luce che viene immaginata in termini diversi da ognuno di noi, la luce che sta per scomparire dagli occhi del protagonista e che riesce a ritrovare grazie all’incontro con Misako. Poesia e delicatezza per un film che racconta sentimenti con estrema cura e riservatezza.

Articoli Recenti

  • la frammmentazione dell'individuo nella società moderna

Wilderness di Doug Aitken

Agosto 4th, 2022|Commenti disabilitati su Wilderness di Doug Aitken

L'umanità che Aitkrn vede sulla spiaggia di Venice Beach, in California, è caratterizzata da una sostanziale solitudine: la vita di ognuno scorre immersa [...]

  • il tempo elemento centrale della vita degli essere umani

Nest di Hlynur Pálmason

Agosto 3rd, 2022|Commenti disabilitati su Nest di Hlynur Pálmason

Su una distesa di campi selvaggi antistante un tratto di costa islandese, tre ragazzini costruiscono lentamente un "nido", una casetta di legno piazzata si [...]

  • società e cambiamento

A letter from Yene di Manthia Diawara

Luglio 29th, 2022|Commenti disabilitati su A letter from Yene di Manthia Diawara

Nel villaggio costiero di Yene, in Senegal, la vita è profondamente cambiata negli ultimi anni. La comunità, che tradizionalmente era composta da pescatori e [...]

Le dernier métro di François Truffaut

Giugno 27th, 2022|Commenti disabilitati su Le dernier métro di François Truffaut

A Parigi durante l’occupazione nazista il regista teatrale Lucas Steiner è costretto a nascondersi per sfuggire alle persecuzioni contro gli ebrei. La moglie Marion, [...]