la frammentazione dell'individuo moderno

Ed è un insegnante di classe elementare che ha la necessità di fare un doppio lavoro per mantenere uno standard adeguato di vita alla sua famiglia. Lo fa di nascosto perché il lavoro umile coi taxi non si sposa bene con la sua figura sociale. Quando una malattia rara lo colpisce, la necessità di assumere cortisone in quantità sempre più elevate lo porta ad avere veri e propri effetti allucinatori che mettono a repentaglio la vita della famiglia.
Nicholas Ray firma questo melodramma che spicca per la messa in scena visiva. Il tema è quello tipico del genere, la costruzione dell’identità rispetto alle istituzioni sociali. Paradossalmente in questo caso, quello che viene scambiato per allucinazione nasconde, in realtà, una forte critica del modello imperante della società del tempo. L’improvvisa necessità che emerge dallo stato alterato del protagonista chiede di uscire dalla mediocrità, dalla vita socialmente condivisa fatta di stereotipi e simboli. La critica emerge velatamente, ben nascosta dalla narrazione classica che classifica come follia la deriva di Ed. Classico esempio di “progressive text”

Articoli Recenti

  • l'amore unica salvezza

On the milky road di Emir Kusturica

Settembre 11th, 2021|Commenti disabilitati su On the milky road di Emir Kusturica

Durante la guerra della Jugoslavia, in un piccolo villaggio un uomo si reca giornalmente a prendere il latte, e ogni giorno vede una donna, [...]

  • perdere la capacita dei sentimenti

Arrhythmia di Boris Khlebnikov

Settembre 6th, 2021|Commenti disabilitati su Arrhythmia di Boris Khlebnikov

Oleg e Katya sono una coppia sposata che condivide, almeno in parte, il lavoro. Lui è paramedico, lavora in ambulanza e lei lavora al [...]

  • il tempo e le ripetizioni che danno senso alla vita

Da-reun na-ra-e-suh di Hong Sang-soo

Settembre 1st, 2021|Commenti disabilitati su Da-reun na-ra-e-suh di Hong Sang-soo

In Another Country è un film in 3 episodi, dove sono presenti sempre gli stessi protagonisti che in alcuni casi, come quello della protagonista [...]