oppressi e oppressori

La piccola Marie trova un asinello, Balthazar e dopo aver convinto il padre a prenderlo ne diviene la padroncina. Tra i due si instaura un intenso rapporto che però viene interrotto quando, crescendo, Marie non riesce più ad occuparsi dell’animale. Parallelamente per l’asino e per Marie comincia una vita di grandi difficoltà: la prima rompe gli schemi del perbenismo diventando vittima di uomini che si fanno beffe di lei, mentre il secondo passa di padrone in padrone in condizioni sempre peggiori.
Robert Bresson firma un grande lavoro introspettivo sulla natura dell’uomo, soffermandosi sulle categorie degli oppressi e degli oppressori, che coinvolge in questo caso gli animali. Nessuno può uscire indenne dalla malvagità di parte dell’essere umano, e nessuno sembra essere in grado di contrapporsi con la giusta efficacia. La purezza in spirito degli animali, e paradossalmente degli esseri umani pure quando si manifestano in modi che contraddicono la morale comune, si rivelano essere i punti deboli sui quali i malvagi possono agire con ferocia. Il rigore registico di Bresson testimonia tutto questo con spietata durezza; non c’è bisogno di molte parole, le immagini da sole, sono in grado di raccontare con grande efficacia l’interiorità della storia.

Articoli Recenti

  • rimpianti e ricordi che caratterizzano la vita

Lo specchio di Andrej Tarkovskij

Settembre 25th, 2022|Commenti disabilitati su Lo specchio di Andrej Tarkovskij

Lo Specchio è un film di Andrej Tarkovskij, uno dei suoi più complessi ed enigmatici. Attraverso il personaggio di Aleksej il film propone un [...]

  • il rapporto difficile con la memoria

Lacci di Daniele Luchetti

Settembre 3rd, 2022|Commenti disabilitati su Lacci di Daniele Luchetti

Il menage coniugale di Aldo e Vanda, coppia con due figli ancora piccoli, viene sconvolto dalla notizia che lui, presentatore radiofonico a Roma, ha [...]

  • ferite e speranze

Notturno di Gianfranco Rosi

Settembre 2nd, 2022|Commenti disabilitati su Notturno di Gianfranco Rosi

Notturno di Gianfranco Rosi è un documentario girato nell’arco di tre anni lungo confini difficili del Medio Oriente: Kurdistan, Siria, Libano, Iraq, Iran, territori [...]

  • conflitto esistenziale

Barwy ochronne di Krzysztof Zanussi

Agosto 26th, 2022|Commenti disabilitati su Barwy ochronne di Krzysztof Zanussi

Durante l’estate, in un campus universitario polacco si ritrovano un gruppo di studenti universitari per partecipare ad un concorso letterario. Jaroslaw è un giovane [...]