natura e spiritualità

In una piccola comunità montana vivono 4 donne con la loro madre, appena rimasta vedova. È un lungo inverno quello che insieme trascorreranno, caratterizzato da rituali rigidi, preghiere collettive e lavori comunitari. Sonja Wyss mette in scena con metodico rigore una storia surreale, di comprensione difficile, scandita da simbolismi arcani, arricchita da una fotografia che spicca per originalità e caratterizzata dalla assoluta mancanza di dialoghi. Il gruppo delle protagoniste si muove come fosse un corpo unico con deviazioni dall’ordine stabilito solo momentanee. Come se l’ordine, il rigore e la dedizione fossero componenti fondamentali per poter trascorrere il rigido inverno e la difficoltà del lutto. Ma anche all’interno di simile disciplina è possibile prendersi dei momenti di piacere, necessari ad arrivare alla primavera, quando i fiori torneranno a fare capolino dalla neve ancora presente e le donne potranno ergersi fiere e con forza rinnovata in fronte al sole.

Articoli Recenti

  • conflitti adolescenziali

Bes Vakit di Reha Erdem

Giugno 26th, 2019|Commenti disabilitati su Bes Vakit di Reha Erdem

In un villaggio montano della Turchia vivono famiglie che fanno del lavoro quotidiano la lor principale ragione di vita. Tre ragazzi appena adolescenti condividono [...]

L’amico della mia amica di Eric Rohmer

Giugno 19th, 2019|Commenti disabilitati su L’amico della mia amica di Eric Rohmer

Blanche e Lea sono due ragazze che vivono nella provincia di Parigi. Si incontrano casualmente e diventano amiche pur essendo molto diverse. Lea è [...]