scoprire la propria natura

Finito il servizio militare Asa torna nella steppa kazaka dove l’aspetta la yurta della famiglia della sorella e la vita da pastore. Ma lui sogna di costruire la sua famiglia, il suo allevamento e per questo ha bisogno di trovare moglie. L’unica ragazza presente nella zona è Tulpan, che lui non ha praticamente mai visto ma della quale è innamorato. Nonostante i diversi tentativi però, la ragazza rifiuta di sposarlo mandando in crisi il giovane.
Film bello e inaspettato questo di Sergei Dvortsevoy che ci porta in una dimensione territoriale e narrativa assolutamente distante. La steppa del Kazakistan ci viene raccontata in tutta la sua forza: i grandi spazi, i venti che spazzano via tutto portando con se tutta la terra possibile, la vita incredibile degli animali. È un racconto diretto, senza troppi filtri ma assolutamente mai banale. La regia sceglie campi lunghi e sequenze interminabili senza stacchi raccontate con efficaci e continui movimenti di macchini non del tutto convenzionali. La traccia della storia d’amore tea i due giovani, si intreccia con quella verso il territorio, che il ragazzo sente continuamente minacciato dai richiami della grande città, lasciandolo in uno stato di continua indecisione, Solo quando avrà modi di gettarsi completamente nell’esperienza del pastore, capirà qual è la sua natura e la sua strada.

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]