la necessità di esprimere i sentimenti

Yoraim è un uomo di mezza età rimasto vedovo da poco. È un veterinario, passa gran parte del tempo al lavoro, ed è piuttosto solo dal momento che non ha un rapporto con la figlia adolescente Roni: quasi si ignorano. Quando la ragazza tenta il suicidio Yoraim è costretto a fare i conti col malessere della ragazza e con quello suo. La visita presso i parenti, nel deserto fuori Tel Aviv, può essere l’ultima occasione per recuperare il rapporto.
Nimrod Eldar al suo primo lungometraggio propone l’analisi di un rapporto padre figlia, nella critica età dell’adolescenza, l’”età dell’ingratitudine” cosi come citato nel film. Situazione complicata dalla recente scomparsa della madre. Cosi il film si stabilisce al confine tra il racconto di un disagio adolescenziale e quello del lutto. In entrambi i casi il silenzio, la mancanza di comunicazione e di espressioni emotive diventano macigni che ostacolano un vivere accettabile. La prima parte del film è costruita nell’esposizione del personaggio del padre, assolutamente rinchiuso nel dolore, incapace di reagire a qualsiasi cosa. L’atto della ragazza, abbandonata alla sua solitudine e al suo dolore riesce solo minimamente a scalfire la condizione del padre, che troverà finalmente un’espressione nel viaggio che i due compiono insieme. Da quel momento, dall’espressione del dolore di uno, che aiuta l’altro a fare lo stesso, si gettano le basi per una condizione di vita diversa.

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]