figli ricchezza e collant delle famiglie

In un villaggio alle pendici del monte Suleiman, una donna, Zhipara, entra in un orfanotrofio per recuperare quel figlio scomparso tempo addietro, Uluk. In questo modo riesce a far tornare il marito Karabas, alcolista e truffatore, che nel frattempo ha preso una seconda moglie che le sta per dare un figlio. Il gruppo si riunisce e affronterà le difficoltà, le invidie e le gelosie che inevitabilmente sorgono.
Elizaveta Stishova gira un road movie che è un viaggio tra le tradizioni antiche del Kirghizistan e le disfunzioni che porta la modernità. Sciamanesimo, religione, canti tradizionali fanno da corollario alla narrazione che affronta il tema della famiglia, della crescita degli individui e della necessità di avere dei figli come collante dell’unione familiare. Il protagonista è diviso trà la difficoltà di riconoscere un figlio ritrovato e proteggere la nuova moglie che sta per dargliene un altro; troverà la sua strada quando riuscirà ad accettare la possibilità di prendersi cura di un essere umano, indipendentemente dal legame di sangue che a lui lo lega.

Articoli Recenti

  • riaprirsi alla vita nella maturità

Rompecabezas di Natalia Smirnoff

22 Gennaio, 2020|Commenti disabilitati su Rompecabezas di Natalia Smirnoff

Nel giorno in cui compie 50 anni Maria del Carmen riceve in regalo una scatola di puzzle, qualcosa di nuovo per lei. Pian piano [...]

  • adolescenti che crescono

As Duas Irenes di Fabio Meira

18 Gennaio, 2020|Commenti disabilitati su As Duas Irenes di Fabio Meira

Irene vive in un villaggio in un luogo imprecisato del Brasile. Vive la tipica crisi adolescenziale che la porta a cercare qualcosa fuori dell’ambiente [...]

  • amori irrequieti

L’amore fugge di François Truffaut

13 Gennaio, 2020|Commenti disabilitati su L’amore fugge di François Truffaut

Antoine Doinel ha 35 anni, da poco ha finalmente pubblicato il suo primo libro, “Insalate d’Amore” e sta divorziando dalla moglie. Rimane un uomo [...]