ritrovare la figura materna

Nell’isola subtropicale del Giappone, Amami due adolescenti vivono la loro prima storia d’amore. Ten ha un rapporto conflittuale che accusa di passare da un uomo all’altro dopo che il padre li aveva abbandonati anni prima. Kyoko sta assistendo la madre nei suoi ultimi giorni di vita, cercando di rendere quella relazione più duratura possibile. Per entrambi i ragazzi la loro unione sarà di aiuto nell’affrontare quel difficile momento.
Naomi Kawase da vita ad un lavoro etereo, di pura poesia, dove più che gli avvenimenti sono importanti tutti i piccoli dettagli che li caratterizzano. Prende tutto il tempo necessario per entrare in sintonia emotiva coi protagonisti che sono alle prese con una fase cruciale della loro vita: riconnettersi alla figura materna, intesa anche come quella natura che li circonda rigogliosa. Solo attraversando il dolore che separa quella distanza diverrà possibile per i due ragazzi trovare quella serenità necessaria a vivere con consapevolezza il loro amore ed il rapporto con il mondo naturale.

Articoli Recenti

  • le ricadute della globalizzazione

Babel di Alejandro Iñárritu

Maggio 22nd, 2019|Commenti disabilitati su Babel di Alejandro Iñárritu

In un piccolo villaggio nel deserto marocchino, 2 giovani ragazzi vengono in possesso di un fucile. Per gioco sparano su un pullman di turisti [...]

  • tra sogno e realtà

Mulholland Drive di David Lynch

Maggio 20th, 2019|Commenti disabilitati su Mulholland Drive di David Lynch

Lungo Mulholland Drive una donna perde la memoria in seguito ad un incidente automobilistico. L’incontro con Betty, aspirante attrice, le sarà di aiuto [...]

Tangerines – Mandarini di Zaza Urushadze

Maggio 5th, 2019|Commenti disabilitati su Tangerines – Mandarini di Zaza Urushadze

In una sperduta  casa di campagna dell’Abcasia, Ivo e Margus cercano di continuare la loro produzione di mandarini mentre intorno sta ormai deflagrando la [...]