fare cinema aiuta a crescere

Selfie è un documentario di Agostino Ferrente centrato sulla figura di due sedicenni del rione Traiano di Napoli, Alessandro e Pietro. L’idea di partenza è di affidare a loro la narrazione di un fatto di cronaca accaduto nel 2014 proprio nel rione, quando Davide Bifolco, anche lui sedicenne, veniva ucciso per errore da un carabiniere che lo aveva scambiato per un latitante. Ferrente fa una serie di provini prima di scegliere i due amici, ed alcuni di questi diventano parte della narrazione, cosi come le immagini delle telecamere di sorveglianza del quartiere che, periodicamente sono utili a contestualizzare il racconto. Ai due ragazzi viene fornite un iphone e una breve formazione sull’uso in termini cinematografici e il loro racconto dell’episodio diventa anche la narrazione del territorio e soprattutto di sè stessi, dal momento che il dispositivo è quello del selfie, il telefono inquadra sempre l’utilizzatore. Durante l’arco di qualche mese i due hanno modo di migliorare la loro capacità narrativa anche in termini di tecniche di ripresa, e guardare la realtà in cui vivono con occhi diversi. Questo è forse il punto più importante del progetto, l’idea che questo racconto possa diventare un momento formativo per i protagonisti: la possibilità di vivere da “registi” il loro quartiere e quindi poter mettere una distanza dal vissuto quotidiano permette loro di vedere la loro quotidianità da un punto di vista diverso e con occhi diversi.

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]