necessità di rompere legami famigliari

In una casa della campagna del nord della Francia vivono Pascale e i suoi due figli gemelli Thierry e Francois. I tre vivono in un mondo a parte, caratterizzato da un forte legame, a tratti morboso, che li mantiene tutti in uno stato di adolescenza, nonostante i due ragazzi abbiano venti anni. Ogni tanto appare il padre, verso il quale Pascale, ormai divorziata da tempo, nutre ancora una forte animosità. Le cose cambiano quando la donna si innamora di un vicino e progetta di vendere la casa.
Joachim Lafosse sceglie di mantenere la sua macchina da presa immobile sulle scene che si succedono per almeno due terzi del film; è l’immobilità che rappresenta la situazione del nucleo famigliare, incapace di evolvere e separarsi per fare emergere le singole individualità. Il rapporto tra i tre protagonisti è caratterizzato da una certa ambiguità di fondo che ha la funzione di mantenere tutti perennemente legati tra loro. L’elemento nuovo che arriva a rompere l’equilibrio è l’innamoramento della madre che la porta a cercare qualcosa di diverso. Spezzato in modo drammatico l’equilibrio, ognuno dovrà fare i conti con se stesso, a cominciare dalla coppia dei genitori che simbolicamente si ritrova a raccogliere i cocci di quello che è stato il fallimento del loro matrimonio. La macchina da presa riprende a muoversi a accompagni i protagonisti nell’espressione di nuovi bisogni. Un film che è quasi un Kammerspiel, in cui il regista, gemello anch’egli, ricostruisce e trasmette il senso di oppressione misto ad incoscienza giovanile che genera una situazione così strettamente vincolante

Articoli Recenti

  • la vicinanza che cambia le relazioni

Il buco di Tsai Ming-liang

Agosto 3rd, 2020|Commenti disabilitati su Il buco di Tsai Ming-liang

Mancano 7 giorni all’inizio del nuovo millennio, il 2000, in una piovosa Taiwan. Un’epidemia sta mettendo a dura prova la popolazione che dovrebbe raggiungere [...]

  • la poesia come motore dei sentimenti

Il postino di Michael Radford

Luglio 26th, 2020|Commenti disabilitati su Il postino di Michael Radford

All’arrivo sull’isola dello scrittore cileno Pablo Neruda, Mario trova lavoro come suo postino personale: ogni giorno dovrà portare allo scrittore la grande quantità [...]

  • percorso di adolescenza

Diamond Island di Davy Chou

Luglio 20th, 2020|Commenti disabilitati su Diamond Island di Davy Chou

Da un piccolo villaggio della Cambogia, Bora, va a cercare lavoro nella capitale, in particolar modo nella zona di Diamond Island dove è in [...]