la paura che spinge l'uomo a trovare mezzi di salvezza estremi

Aleksandr è un uomo di mezza età, ex attore ritiratosi dalle scene perché il mestiere poteva confliggere con la sua identità. È un intellettuale ritiratosi in una casa sulle rive del mare assieme alla moglie e ai figli, soprattutto il piccolo maschio con cui passa le giornate. Il giorno del suo compleanno accoglie in casa pochi amici per festeggiare, ma la tv annuncia lo scoppio di una guerra nucleare. Aleksandr, che aveva detto di non aver rapporti con Dio, in preda al terrore comincia a pregare e ad offrire a Dio tutto quello che ha, in cambio della salvezza. Il suo amico postino gli suggerisce di “giacere” con una delle due domestiche, strega dai poteri soprannaturali.
Sacrifico è l’ultimo film di Andrej Tarkovskij, quello che lui stesso definisce come il più rappresentativo della sua filmografia. Girato in lunghi piani sequenza, su un impianto quasi teatrale, e con una fotografia magistrale il film affronta le inquietudini dell’uomo, e in particolar modo il suo rapporto con la paura, capace di stravolgere le esistenze.
Il protagonista, ateo, nel momento più difficile non esita a far ricorso alla religione e alla magia, pratiche lontanissime dal suo modo di essere, pur di trovare una salvezza. Ma la sua salvezza è solo un riflesso della salvezza dei suoi cari, che è quella per cui sacrifica la sua esistenza, rinunciandovi.
La salvezza, infine, risiede nel ritorno alla semplicità della domestica, forse strega, forse no, ma certamente capace di sintonizzarsi coi sentimenti degli altri, del protagonista in questo caso. È per questo che, una volta tracciata la via, il finale apre alla speranza, rappresentata dal piccolo che riprende i lasciti del padre e coltiva la speranza in un futuro che è rappresentato da un albero che avevano piantato insieme, e di cui si prenderà cura. Interessante l’uso del colore che divide il film in 3 parti: il colore naturale, decolorazione e bianco e nero stanno a rappresentare la normalità, la crisi e l’eventuale futuro catastrofico, solo immaginato da Tarkovskij

Articoli Recenti

  • il mondo complesso dei solitari

Aloys di Tobias Nölle

Aprile 13th, 2021|Commenti disabilitati su Aloys di Tobias Nölle

Aloys è un investigatore privato, abituato a lunghe ore di pedinamenti e appostamenti e a registrare e archiviare con grande meticolosità il risultato del [...]

  • l'amore nell'autunno dell'esistenza

Sonbahar di Özcan Alper

Aprile 6th, 2021|Commenti disabilitati su Sonbahar di Özcan Alper

Yusuf esce di prigione a causa delle sue condizioni di salute, che non gli permetteranno di vivere ancora a lungo. Poco più di 30 [...]

  • l'amore è il senso ultimo della vita

La tortue rouge di Michael Dudok de Wit

Aprile 1st, 2021|Commenti disabilitati su La tortue rouge di Michael Dudok de Wit

Un uomo naufraga durante una tempesta e finisce per ritrovarsi in una piccola isola disabitata dove l’unica compagnia sono gli animali e i pericoli [...]