la necessità di riappropriarsi delle proprie origini

La giovane Lena torna, da Mosca, nel suo villaggio montano in Armenia. È appena scoppiato il conflitto tra Armenia ed Azerbaijan, che fa di tutti i territori teatro di guerra. I suoi tentativi di portare in salvo, a Mosca, i nonni sono vanificata dalla sospensione dei servizi ferroviari. A lena non rimane altro che rimanere e provare ad inserirsi nella realtà del villaggio.
Il primo lungometraggio della regista armena Maanya Saakyan, è un lavoro intenso e di grande ricchezza formale. Fotografia accurata e un dettagliato lavoro di postproduzione consentono di ricreare atmosfere che rimandano al grande cinema russo; la guerra raccontata e non vista si riflette in una malinconia che testimonia quel senso di perdita inevitabile durante un conflitto. Sentimenti che hanno radici antiche, che si manifestano in ogni momento dell’esistenza, che il conflitto esalta, ma non crea dal nulla. Semmai è proprio questo che offre alla protagonista una possibilità diversa: quella di fare i conti con la sua storia e riappropriarsene lasciando andare la staticità dei ricordi. Un film bello da vedere, che accompagna con emozioni sussurrate e che a tratti risulta sin troppo formale.

Articoli Recenti

  • la paura che spinge l'uomo a trovare mezzi di salvezza estremi

Offret di Andrej Tarkovskij

Febbraio 26th, 2021|Commenti disabilitati su Offret di Andrej Tarkovskij

Aleksandr è un uomo di mezza età, ex attore ritiratosi dalle scene perché il mestiere poteva confliggere con la sua identità. È un intellettuale [...]

  • difficoltà delle transizioni sociali

Dead Pigs di Cathy Yan

Febbraio 23rd, 2021|Commenti disabilitati su Dead Pigs di Cathy Yan

Nel fiume di Shangai cominciano ad emergere carcasse di maiali in numero sempre più consistente. Mentre si cerca di capire cosa stia succedendo un [...]

  • complessità e imprevedibilità della vita

Ise yarar bir sey di Pelin Esmer

Febbraio 17th, 2021|Commenti disabilitati su Ise yarar bir sey di Pelin Esmer

Leyla è una avvocatessa che sale sul treno per andare ad una rimpatriata di amici che rivedrà dopo 25 anni. Canan è una giovane [...]

  • vicinanza eccessiva in famiglia

Теснота di Kantemir Balagov

Febbraio 14th, 2021|Commenti disabilitati su Теснота di Kantemir Balagov

Caucaso russo, fine anni 90, Ilana ha 24 anni e lavora come meccanico nell’officina del padre. È una ragazza irrequieta poco disposta ad accettare [...]