l arte rende liberi

Joris Ivens è stato un grande documentarista che ha attraversato con le sue grandi opere tutto il ventesimo secolo. Ormai novantenne vuole realizzare un sogno che aveva coltivato da sempre: catturare il vento. Con la sua troupe e con la moglie Ivens arriva in Cina dove si piazza su una sedia in attesa dl vento. La ricerca del vento per lui è la ricerca della vita, afflitto com’è dall’asma che lo ha ridotto ad usare solo mezzo polmone. Il vento è dunque l’attesa della vita, ed è allo stesso tempo l’attesa della fine, che Ivens si appresta ad affrontare lasciando questo ultimo memorabile testamento. Un lavoro che riflette sul cinema, cita Melies e suoi vecchi lavori ed è sempre in bilico nell’eterno conflitto tra finzione e reale. Scene surreali, poetiche, si alternano a momenti di vita quotidiana, personaggi di vario tipo, tra cui una maschera del Teatro NO, irrompono improvvisamente nella scena. Un’opera di grande lirismo e fantasia narrativa che mette in mostra la totale libertà operativa raggiunto da un uomo che ha attraversato il secolo con una telecamera in mano e che ha sviluppato una profonda sensibilità, capace di cogliere dettagli nascosti nel mondo che lo circonda. Pregevole la fotografia a completare questo sublime testamento di un maestro del cinema.

Articoli Recenti

  • scelte difficili

Sarah e Saleem di Muayad Alayan

6 Dicembre, 2019|Commenti disabilitati su Sarah e Saleem di Muayad Alayan

Sarah e Saleem vivono a Gerusalemme ed hanno una liason estremamente problematica. Sono entrambi sposati, con situazioni particolari, il marito di Sarah è un [...]

Beshkempir, The Adopted Son di Joshua Klein

30 Novembre, 2019|Commenti disabilitati su Beshkempir, The Adopted Son di Joshua Klein

Mirian è un adolescente in un villaggio della Repubblica del Kirghizistan. Con i suoi amici vive i divertimenti dell’età, i primi turbamenti sessuali e [...]

  • vita tranquilla e vita di impegno

La tranquillità di Krzysztof Kieslowski

18 Novembre, 2019|Commenti disabilitati su La tranquillità di Krzysztof Kieslowski

Uscito di prigione dopo tre anni, Antoni Gralak lascia Cracovia per stabilirsi in Slesia dove spera di esaudire il suo grande desiderio di tranquillità: [...]

  • relazioni insoddisfacenti

Pingpong di Matthias Luthardt

17 Novembre, 2019|Commenti disabilitati su Pingpong di Matthias Luthardt

Dopo la morte del padre, il giovane Paul si trasferisce presso gli zii, famiglia medioborghese che vive in una villetta nella periferia tedesca. Il [...]