evoluzione nella ripetizione

Tra le strade desertiche del Kurdistan iraniano una macchina si inerpica per raggiungere un villaggio dove Behzad e due suoi colleghi si stanno dirigendo per condurre un’inchiesta sui riti funebri locali. L’attesa della morte di una signora anziana si prolunga più del previsto e Bezhad e i suoi colleghi entrano in contatto più profondo con i locali.
Kiarostami prosegue nel suo lavoro sullo sguardo, sul posizionamento del dispositivo, e dello spettatore, che viene continuamente sollecitato verso la consapevolezza dell’esistenza dello stesso. È un lavoro sulla mancanza, molti dei protagonisti non vengono mai mostrati cosi come le stesse case degli abitanti; è anche un lavoro sul tempo, sempre più dilatato ed il proseguimento sulla destrutturazione della narrazione. Emerge, con forza, il tema della ripetizione, nei dialoghi e soprattutto nella scena che si ripete all’infinito del protagonista che si dirige in macchina verso una collina dove è possibile parlare al telefono mobile. Proprio in questa ripetizione apparentemente sempre uguale a se stessa, si cela una delle pochissime unita narrative. Ogni telefonata riassume il passare del tempo trascorso, cosa è avvenuto e cosa no, e soprattutto diventa stimolo per la strada da prendere di chi, dall’altra parte del telefono, ha richiesto il lavoro a Behzad.

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]