sofferenza patologica ed esistenziale

In una villa di campagna piacentina vive una famiglia problematica. La madre è cieca, due figli soffrono di epilessia, Giulia è innamorata dei due fratelli e Augusto, il maggiore è l’unico che conduce una vita normale, ha un lavoro ed esce. Tutti gli altri sono quasi rinchiusi nella antica villa, lontana dalla società che è in evoluzione. Per Bellocchio però il malessere sociale arriva anche li, l’istituzione famiglia è in piena crisi, la malattia sociale è in questo caso anche malattia patologica. Se nella prima parte il maggiore dei fratelli si erge a protagonista, lui che dirige le cose di casa, nella seconda parte Alessandro si erge ad assoluto problematico protagonista. Un’esistenza profondamente tormentata e un’energia che non riesce ad essere indirizzata e trasformandosi in rabbia repressa finisce per trovare obietto, facile i componenti più deboli della famiglia, quelli che a suo avviso tengono tutti immobilizzati impedendogli di vivere liberamente la vita. Il film caratterizzato da una grammatica che a tratti rimanda alla Nouvelle Vague prende una piega tragica nel finale, quando il giovane pensa di eliminare le cause di tanto malessere. Eliminerà le cause patologiche della grande sofferenza che tutti vivono, ma i motivi esistenziali rimarranno intatti, chiedendo di essere affrontati in altro modo

Articoli Recenti

  • conflitti adolescenziali

Bes Vakit di Reha Erdem

Giugno 26th, 2019|Commenti disabilitati su Bes Vakit di Reha Erdem

In un villaggio montano della Turchia vivono famiglie che fanno del lavoro quotidiano la lor principale ragione di vita. Tre ragazzi appena adolescenti condividono [...]

L’amico della mia amica di Eric Rohmer

Giugno 19th, 2019|Commenti disabilitati su L’amico della mia amica di Eric Rohmer

Blanche e Lea sono due ragazze che vivono nella provincia di Parigi. Si incontrano casualmente e diventano amiche pur essendo molto diverse. Lea è [...]