conflitto tra senso di colpi e aspierazioni di libertà

Nel 2012, durante la cosiddetta “Primavera Araba”, anche in Siria moti popolari spingono per la liberazione dall’oppressione del potere di Assad che opera da lungo tempo. Ad Aleppo, Waad, una giovane studentessa appassionata di videomaking, partecipa alle proteste e filma tutto quello a cui prende parte. Negli anni successivi, fino al 2016, i fatti precipitano sino a conseguenze inimmaginabili, la vita di Waad cambia, ma il suo impegno di documentare la realtà che vive rimane intatto.
Il film di Waad Al-Khateab, costruito sul footage raccolto da una semplice videocamera e a volta da telefoni, è un documento terribile sulla vicenda siriana. La realtà raccontata da dentro, l’oppressione dell’assedio che emerge dalle riprese e l’infinità scia di sangue che, letteralmente, lo schermo restituisce, fanno di questo film uno straordinario manifesto di una guerra civile, dove l’escalation violenta è inaspettata e tocca chi non dovrebbe essere mai coinvolto. Sono i bambini ad essere in primo piano nel film; la loro vitalità, i loro giochi e le loro morti sono un pugno nello stomaco dello spettatore. La vicenda vede un gruppo di persone che iniziano, giovani, una battaglia per una causa di liberta, che si ritrovano qualche anno dopo, con responsabilità diverse, con dei figli, a dover gestire qualcosa che è divenuto ormai spaventosamente più grande di loro. In una guerra dove tanti interessi “terzi” hanno spostato e amplificato le dimensioni del conflitto, il pensiero di tutte quelle morti innocenti, e della vita futuri dei sopravvissuti porta a chiedersi sommessamente se valesse la pena iniziare questa lotta di libertà. Questo è anche quello che sembra emergere dal racconto di Waad, costantemente teso a dare una qualche spiegazione alla piccola Samà, alla quale tenta di spiegare perché la sua vita e quella dei suoi coetanei sarà caratterizzata da un inizio tremendo, dai tanti bambini che le sono morti accanto, dall’esilio, dal pensiero che tutto questo non ha portato nemmeno uno dei risultati che avevano ispirato quegli slanci. Un film durissimo dall’esito tutt’altro che scontato.

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]