Anna e Basim si incontrano lungo una strada isolata della campagna sarda. Due giovani che stanno cercando di dare un nuovo senso alla loro vita. Anna non parla più, deve salvarsi da un trafficante di migranti, un uomo ossessionato da lei; Basim è fuggito dal gruppo di migranti col quale era arrivato e vive di espedienti. L’incontro permetterà loro di cambiare un destino già scritto.
Laura Lucchetti propone una storia raccontata tra presente e flashback, che permette di ricostruire e comprendere lo sviluppo degli eventi solo nel finale del film. C’è un certo rigore nella narrazione, il silenzio regna per gran parte del film, e questo, insieme alla fotografia decisamente importante, contribuisce a dare un tono quasi metafisico al lavoro. Il tema che accomuna tutti i protagonisti è la solitudine e l’apparente impossibilità di colmarla, soprattutto in assenza di amore. La regia sembra non riuscire a chiarire quale direzione prendere nello sviluppare il racconto, sempre in bilico tra ricerca interiore e concretezza quasi banale. Ho atteso invano il finale per riuscire a dare un senso e una collocazione a questa storia

Articoli Recenti

  • adolescenti che crescono

As Duas Irenes di Fabio Meira

18 Gennaio, 2020|Commenti disabilitati su As Duas Irenes di Fabio Meira

Irene vive in un villaggio in un luogo imprecisato del Brasile. Vive la tipica crisi adolescenziale che la porta a cercare qualcosa fuori dell’ambiente [...]

  • amori irrequieti

L’amore fugge di François Truffaut

13 Gennaio, 2020|Commenti disabilitati su L’amore fugge di François Truffaut

Antoine Doinel ha 35 anni, da poco ha finalmente pubblicato il suo primo libro, “Insalate d’Amore” e sta divorziando dalla moglie. Rimane un uomo [...]

  • conflitto di identità

The Farewell di Lulu Wang

8 Gennaio, 2020|Commenti disabilitati su The Farewell di Lulu Wang

Bill è cinese di nascita ma vive a New York con i genitori sin da quando aveva sei anni. In Cina mantiene però un [...]