relazione prigionia emotiva

Il giorno in cui Lucia e Marcelo, giovane coppia argentina, stanno per trasferirsi nell’appartamento che hanno scelto di acquistare comincia male. L’appuntamento per l’acquisto salta per essere rimandato al giorno dopo. Il malumore causato da questo evento da il via ad una lunghissima giornata di conflittualità violenta, dove tutta la rabbia inespressa nel tempo viene gettata sull’altro.
Juan Schnitman mette in scena quasi un kammerspiel dove la macchina segue da vicinissimo i lunghissimi dialoghi tra i due protagonisti, per la maggior parte del tempo in interno, in casa loro. È la descrizione di un rapporto di coppia che è divenuta una prigione per entrambi. Nessuno dei due è capace di comunicare bisogni e paure ed accumula rabbia e risentimento che ciclicamente esplodono diventando al tempo stesso unico momento di vicinanza emotiva. Allo stesso tempo sono entrambi incapaci di rinunciare alla relazione, troppa è la paura di trovarsi soli, e questo finisce per essere ulteriore motivo di risentimento. La messa in scena parla proprio di questa staticità relazionale con le sue lunghe scene senza stacchi; allo stesso tempo la camera che è sempre a mano, si muove a testimoniare l’instabilità e il disagio dei due protagonisti. I piani strettissimi restituiscono la sensazione di soffocamento che i due respirano in un rapporto dove non ci sono altre possibilità che mantenere le cose come sono, in una condizione che finisce per essere di estremo egoismo

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]