vivere o morire

Christiane è un’adolescente berlinese che vive con la mamma e la sorella, in un ambiente famigliare piuttosto complicato. Sogna di andare alla discoteca Sound, la più grande d’Europa, e l’occasione si presenta grazie ad un’amica. Siamo a fine anni ’70 e la discoteca, tra gli altri, è un luogo dove la droga circola in grandi quantità. Christiane conosce un ragazzo, Detlef, del quale si innamora e con lui comincia ad assumere prima lsd e poi eroina.
Uli Edel racconta una storia di tossicodipendenza, che somiglia a tante altre. Il contesto storico è quello degli anni ’70, quello di una enorme diffusione delle sostanze, dovuto anche al fatto di una scarsa conoscenza del fenomeno; anni in cui non si era del tutto consapevoli del percorso che l’eroina porta a fare in modo quasi obbligato. La storia è rappresentata senza nessuna tentazione melodrammatica, senza nessun ricorso alla sentimentalità dello spettatore; si tratta quasi di una cronaca, lucida e cruda, dove sono rappresentati senza filtri tutti i momenti più importanti della progressione della malattia da abuso di sostanze. Non ci sono momenti di svolta decisivi, ma il passaggio che porta alla condizione di tossicodipendenza viene mostrato, così come avviene nella realtà, come un processo che si sviluppa in modo rapido e in modo quasi inconsapevole: quando ancora si pensa che si può controllare il grado di coinvolgimento, è già fin troppo tardi. L’alternativa alla morte , in molti casi per overdose, è la decisione di smettere ed affrontare un difficile percorso di guarigione.

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]