vita e morte viaggiano sullo stesso piano

Nel 2000 un’associazione umanitaria in Uganda chiede a Kiarostami di realizzare un documentario sulla condizione dei loro villaggi che versano in gravi difficoltà a causa delle conseguenze di una lunga guerra civile e delle conseguenze dell’Aids che sta decimando la popolazione lasciando, tra l’altro molti orfani al loro destino. Quello di Kiarostami è uno sguardo lucido sempre in bilico tra l’esplorazione dei sentimenti e quella della realtà che riporta. Non c’è spazio per enfasi di alcun tipo e dichiara, da subito, la presenza del mezzo di ripresa: sono moltissime le scene in cui lui stesso o il suo operatore, sono ripresi nell’atto di filmare con le loro videocamere tascabili. Non c’è pretesa di oggettività dunque, Kiarostami porta avanti il suo discorso sulla messa in scena anche in questo frangente molto difficile e diverso dal solito. Il grande pregio del lavoro è quello di riuscire a trasmette pienamente l’atmosfera che si respira in quel contesto. Vita e morte viaggiano insieme, senza che nessuna prenda mai il sopravvento sull’altra. Gli occhi vivi e gioiosi dei bambini che giocano per le strade sono perfettamente integrati con quelli spenti e fissi dei bambini ricoverati negli ospedali improvvisati. Tutto questo suscita riflessioni che vanno anche al di là della situazione specifica mostrata e spingono a interrogarsi sul senso profondo della propria esistenza

Articoli Recenti

  • l'amore che cura

Julia di Erick Zonca

Luglio 5th, 2020|Commenti disabilitati su Julia di Erick Zonca

Julia è una donna di mezza età che ha una vita del tutto sregolata. È sola. Alcolista, ogni notte finisce in un letto diverso [...]

  • viaggo di ricerca identitaria

The color wheel di Alex Ross Perry

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su The color wheel di Alex Ross Perry

Colin e Jr sono fratello e sorella, quasi coetanei nella fase dell’esistenza in cui devono costruire il loro futuro. In modi diversi non riescono [...]

  • resilienza e bisognmo di essere amati

Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Luglio 1st, 2020|Commenti disabilitati su Diz a ela que me viu chorar di Maira Bühler

Maira Bühler è una filmmaker brasiliana che in questo lavoro racconta momenti di vita quotidiana girati all’interno di un ricovero per homeless che può [...]

  • esseri umani in cattività

Iron Island di Mohammad Rasoulof

Giugno 30th, 2020|Commenti disabilitati su Iron Island di Mohammad Rasoulof

Su una vecchia petroliera abbandonata nel Golfo Persico, vive da anni una comunità di uomini, donne e bambini iraniani; umanità emarginata con poche prospettive [...]