crescere tra richieste della società e aspirazioni personali

Nella Parigi dei primi anni ’70 un gruppo di ragazzi del liceo artistico è parte attivo nei movimenti di lotta studenteschi. Tra loro, Gilles, è combattuto tra il desiderio di partecipare con i compagni e quello di percorrere altre vie, legate alla pittura e al cinema. Non riesce dunque ad emergere, e prima Laure, e poi Christine lo lasciano per uomini più “impegnati” nel campo artistico e politico. Dopo varie esperienze decide, finalmente, che la sua strada è quella di fare del cinema.
Olivier Assayas ricostruisce un periodo nevralgico della storia, e della sua in particolare. Sono gli anni dell’impegno politico, dei grandi ideali e dei grandi sogni. Ed è proprio con queste grandi aspettative che ognuno dei protagonisti finisce per fare i conti. Se allontanarsi dalla lotta politica sembra un’opzione non percorribile, per rimanere nel gruppo di appartenenza, la stessa continuità di partecipazione ai movimenti politici viene continuamente messa in discussione dalle capacità personali. Non tutti riescono a trovare una propria posizione, che rispecchi l’impegno politico e le aspirazioni personali; allora l’alternativa alla radicalizzazione della lotta diventa l’allontanamento, trovare un posto di “secondo piano” nella vita che magari rappresenta proprio quello per cui si è combattuto contro. È questa, fondamentalmente, la grande sconfitta che hanno vissuto molti di quella generazione e Assayas indugia proprio si questi, piuttosto che sull’apparente, e probabilmente breve, riuscita di chi era riuscito a coniugare impegno politico e posizione nel sociale. Poi c’è l’altra opzione, quella dello stesso regista, che ha raccontato la sua di gioventù. Lasciare la politica per dedicarsi alla propria passione, magari accettando dei compromessi e mantenendo un piccolo spazio per aspirazioni personali di livello più elevato. C’è anche da dire, per concludere, che il tuto trova terreno fertile nella ricca borghesia, che consente a tutti i giovani in causa, di fare delle scelte, politiche e non, perlopiù precluse al resto delle persone. E forse il problema era proprio questo.

Articoli Recenti

  • il dolore della mancanza genitoriale

Aftersun di Charlotte Wells

Gennaio 12th, 2023|Commenti disabilitati su Aftersun di Charlotte Wells

In una località marina del sud della Turchia Sophie, 11 anni, e suo padre Callum che ne ha 20 in più stanno trascorrendo le [...]

  • emanciparsi dall'ambiente in cui si cresce

Short Sharp Shock di Fatih Akin

Gennaio 12th, 2023|Commenti disabilitati su Short Sharp Shock di Fatih Akin

Gabriel, originario della Turchia, Costa originario dalla Grecia e Bobby proveniente dalla Serbia, crescono insieme da immigrati ad Amburgo, creando una piccola gang addetta [...]

  • il cinema come mezzo per la fama e la ricchezza

Bellissima di Luchino Visconti

Dicembre 29th, 2022|Commenti disabilitati su Bellissima di Luchino Visconti

Maddalena Cecconi, donna della povera borgata romana sogna di far entrare la piccola figlia Maria nel cinema. L’occasione si presenta quando il regista Blasetti [...]

  • socialità sane che aiutano a vivere meglio

Ariaferma di Leonardo Di Costanzo

Dicembre 29th, 2022|Commenti disabilitati su Ariaferma di Leonardo Di Costanzo

Il carcere di Mortana sta per essere dismesso, ma gli ultimi dodici detenuti per un imprevisto non possono essere più trasferiti nella loro nuova [...]